NON FATE CASO AL DISORDINE

A quattro anni dalla pubblicazione del disco d’esordio Entrambi Tre,
Tizio Bononcini pubblica il suo nuovo album NON FATE CASO AL DISORDINE,
finanziato con successo da una campagna di crowdfunding su Musicraiser.com.

 

Non fate caso al disordine contiene 10 canzoni che raccontano la contemporaneità con ironia, romanticismo e un pizzico di cinismo. Il salotto di Tizio Bononcini è zeppo di personaggi e oggetti, surrealismi e grottesche metafore della realtà che circonda ognuno di noi: l’annoso problema del furto di ombrelli, il grido di dolore del tuttologo, l’amore impossibile per una ballerina di burlesque e la fauna variegata che si può trovare su un autobus all’ora di punta.

“L’ordine e il disordine sono due maschere; è uno dei tanti dualismi presenti in ciascuno di noi. Come Eros e Thanatos, il buio e la luce, il mare e la montagna, il riso e la pasta…
Per me sono l’ingegnere e il cantautore. Sono l’uno il parassita dell’altro e ciascuno di essi convive e sopravvive grazie e nonostante l’altro. E così l’ingegnere usa la creatività del cantautore e il cantautore usa il metodo dell’ingegnere. O viceversa? E comunque quel che ne salta fuori è… un gran casino.”

In questo album si conferma e consolida la collaborazione tra Tizio Bononcini e l’eclettico violoncellista Vincenzo De Franco che, oltre ad aver curato gli arrangiamenti, firma anche uno dei dieci titoli.

Roberto Passuti, dello Spectrum Studio di Bologna, ne ha prodotto il suono e ha collaborato alla produzione artistica, assieme a Tizio e Vincenzo.

Gli altri musicisti che hanno suonato in “non fate caso al disordine” sono: Mariano Robortella, Hugo Venturelli, Max D’Adda, Max Turone, Maria Rubino, Francesco Brini, Marco Zanardi, Roberto Passuti.

Ecco i titoli:

il conte alla rovescia

il tuttologo

un ombrello

sant’antonio abate

non parlate al conducente

meglio tardi che mai

la ballerina di burlesque

chiuso nel traffico

il contadino

ordine disordine